Fiscaglia

Rossini, omaggio a Lugo dell'adolescenza

L'omaggio a Gioachino Rossini nel 150/o della morte arriva a Lugo di Romagna, dove trascorse qualche anno da adolescente nella terra paterna, sotto forma di una mostra documentaria, 'Rossinissimo', annunciata dalla Pro Loco con l'inaugurazione, l'8 settembre, alla presenza del maestro Riccardo Muti. Curata da Giuseppe Montanari, già direttore musicale del palco alla Scala, la mostra resterà aperta fino al 19 settembre con fotografie, documenti, reperti, scritti raccolti dai collezionisti lughesi e da altri studiosi come Reto Muller, responsabile della Società tedesca Rossini. Sarà allestita, con il contributo pubblico e privato di molti soggetti locali, all'Oratorio Sant'Onofrio, dove sono custodite le spoglie dei canonici Giuseppe e Luigi Malerbi, che insegnarono i primi rudimenti musicali all'adolescente Rossini, che si esercitava anche nella vicina Chiesa del Carmine, sull'organo costruito da Gaetano Callido nel 1777. E' di quei tempi una sua occasione di cantore al Teatro di Imola (1804).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie